Mamma Microsoft, le sue offerte e l’Italia

Sarò stanco o ubriaco… due post nel primo giorno?
Forse è un po’ di ebbrezza da blog. Fra poco tempo sparirà.Comunque, tornando all’argomento del titolo.
Dopo l’opportunità (per gli studenti universitari) di acquistare il pacchetto Office 2007 Ultimate Edition a 52,00€ (cinquantadue!!!) invece di 799,00€ (Microsoft 30 e lode) senza le limitazioni della licenza Students con cui puoi distribuire/vendere ciò che produci; mamma Microsoft se ne esce con una grandiosa novità per chi sviluppa: DreamSpark.
I tool di sviluppo a disposizione degli studenti, universitari in primis e anche delle superiori in alcuni casi, che potrebbero trovarsi un giorno a sviluppare con gli stessi… pertanto perché non crearsi un po’ di utilizzatori che oggi prendono gratis e domani pagano?
Personalmente dico: fa più che bene. Io ci guadagno per ora, loro ci guadagnano poi… mi pare giusto.Perfetto, vado a controllare i prodotti dell’offerta, quasi mi commuovo:
– Visual Studio 2008 Pro
– Windows Server 2003
– SQL Server 2005 Developer
– Expression Studio
eccetera…
Un totale di 14 prodotti tutti lì, gratis, che mi attendono. Potrò sviluppare senza limiti di licenza Academic (simile alla Student) e distribuire (con le copie piratate sviluppo, ma non distribuisco… diciamo che le uso come “didattiche”).

Bene, è ora di leggere i requisiti per approfittare dell’offerta.

Who can get this right now?
We are kicking this off in 11 countries/regions, giving DreamSpark to millions of students in the United States, the United Kingdom, Canada, China, Germany, France, Finland, Spain, Sweden, Switzerland and Belgium. If you are not residing in one of the countries listed keep checking back, we will be adding more countries throughout the year.

Sto per piangere… rileggo… è tutto tristemente vero. L’Italia non è tra i paesi in cui c’è l’offerta.
Ora mi domando:
– perché l’Italia, in campo tecnologico, arriva sempre dopo?
– perché, tolti gli Stati Uniti (lì c’è MS), Francia, Germania & co., la SPAGNA(!!!) aderiscono subito e noi no?

Ma mamma Microsoft pensa un po’ a tutti e l’ultima frase mi fa ben sperare.
Magari entro un anno, in ritardo, arriva anche in Italia.

Prima della fine del mondo l’Italia riuscirà mai a non arrivare in ritardo a qualche appuntamento tecnologico?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...