Potere e diritti

Stamattina ho letto questo articolo.
In breve si potrebbe riassumere così:
nell’agosto del 2005 la RIAA (in pratica la SIAE statunitense) fa causa a una signora disabile, Tanya Andersen, perché “aveva condiviso su KaZaa una folta library di gangsta rap (sic!)”.
Si è dimostrato che la signora non poteva aver commesso il reato contestatole. E fin qui tutto ok, non fosse che “gli emissari della RIAA si sarebbero macchiati (secondo l’ex accusata) di frode, inganno e pratiche poco pulite
come contattare persone a lei vicine di nascosto o penetrare nei suoi
appartamenti. Tutto sulla base di un’unica prova: un indirizzo IP”, pertanto la signora ha fatto partire una controaccusa verso la RIAA che, però, al momento è stata respinta poiché “i moduli non sarebbero stati compilati correttamente“. Da adesso c’è un mese per ripresentare in maniera corretta la domanda.Tolta l’indignazione, tanto per i metodi di indagine quanto per la stupidità della RIAA, mi chiedo se in Italia potremmo arrivare a situazioni simili.
Considerando il potere di cui gode la nostrana SIAE e l’imbecillità di certi politici (mi riferisco, per esempio, al “Comma UNO BIS”: beppegrillo, tartaportal, forum rai) la risposta che mi viene da dare è: sì, anche se non in questa maniera.—L’analisi sarà lunga (pertanto la dividerò in più post…)—

Prima un po’ di storia
a) Come diminuire/limitare le potenziali perdite date dalla pirateria (musica, film, programmi…)
dal 2003 i prezzi di cd e dvd vergini sono aumentati (una ventina di centesimi per i cd e una cinquantina per i dvd) per arginare il fenomeno della masterizzazione illegale. A questi aumenti va aggiunta anche l’immancabile amica iva. Questi vennero giustificati dicendo che troppa gente scaricava musica illegalmente e che c’erano delle perdite; inserendolii, però, non credo che il fenomeno sia diminuito. A livello meramente economico, infatti, conviene ancora ora scaricarsi l’ultimo album di un cantante e spendere non più di un euro in cd, che andare a spenderne una ventina per l’originale. Chi ci rimette però, è l’appassionato di fotografia o il videoamatore. Qualora si trovasse a masterizzare le sue foto per conservarle, oppure il suo filmato delle vacanze, si vede il costo del cd e del dvd comunque maggiorato. Esiste la possibilità di richiedere i soldi alla SIAE in questo caso, ma nessuno, ragionevolmente, spreca ore e ore del suo tempo per andare alla SIAE, compilare eventuali moduli e quant’altro, per 20 centesimi. A questo proposito invito a leggere questo vecchio (2005) articolo del blog Chartitalia, comunque attuale. L’articolo riguarda sì le case discografiche, ma, ovviamente, le distribuzioni sono sempre soggette a SIAE, pertanto una quota dei ricavi viene reindirizzata pulita pulita nelle tasche della SIAE. A quanto riportato nell’articolo va aggiunto ancora l’introito, per le case discografiche, proveniente dalla vendita on-line.

— continua —

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Potere e diritti

  1. A proposito del mercato della musica online, segnalo anche questo link con i dati dal 2001 al 2006http://www.firstmonday.org/issues/issue6_8/pfahl/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...