Un’ora avanti

Ero indeciso se postare o meno questo intervento… ma stasera lo posto, anche se è il secondo della giornata.

Fino a ieri sera è stato un po’ complicato. Skype ed Msn accesi simultaneamente per la gioia della banda utilizzata. Durante la giornata un sms o due (accidenti, hanno aumentato le tariffe verso l’estero).
Due giorni che le parlo e le chiedo com’è andata, cos’hanno fatto e come si trovano. Mi scrive che è tutto a posto e che si divertono.
Ieri è stata giornata di festa nazionale. Nel mentre mi spedisce un paio di foto di cui una con un orso di peluche (le avevo detto che c’erano gli orsi). Mi scrive che, girando, sono stati “sulla collina di toompea” e spiegandomi che “toom” vuol dire duomo e “pea” collina. In pratica sono stati “sulla collina della collina del duomo”.

Strano paese l’Estonia.

Una regola base per apprendere l’estone, comunque, l’ho già capita: per parlarlo devi dire le cose al contrario oppure raddoppiare le vocali.

La vedo via webcam rintanata in un piumino che deve tenere un caldo boia e, al solo pensiero, mi viene da afflosciarmi. Un piumino il 20 di agosto! In camera avrò 25° e un’umidità maggiore di quella che c’è sott’acqua e la vedo al di là dello schermo tutta felice di accoccolarsi dentro a quel coso bianco.
Le dico di come ho trascorso io le giornate (non molto varie per il vero: 1 ora e mezza di ripetizioni di matematica e poi a studiare elettronica, senza capirci proprio tantissimo…)
Chiara continua scrivendomi di Tallinn (o Tallin?), che la birra che producono loro è buona e costa 3 euro per mezzo litro, che mangia maiale, poi maiale e, penso, ancora maiale; che il tempo è instabile (edimburghese direi io) e così via.
Là sono un’ora avanti rispetto all’Italia. Facendo elucubrazioni filosofiche di basso livello e di dubbia utilità si potrebbe arrivare a sostenere che in Estonia vivono nel futuro e a pensarci un po’ su, effettivamente, fa uno strano effetto sapere che la persona che vedi e a cui stai parlando alle 22:00, ti risponde alle 23:00… sì che, come mi insegna Chiara, più vai a nord più i tempi di risposta si allungano, ma qui si esagera.

In definitiva, due serate passate, per un paio orette a sera, davanti a vari sistemi di comunicazione via computer. Un’esperienza che ancora non avevo provato, soprattutto in questa maniera. Bisogna ammettere che mi sono sentito decisamente idiota a parlare con un monitor vedendola al di là attraverso una webcam e rispondendo a voce alle sue domande scritte.

Meno male che oggi ha comprato un microfono. L’altro non funziona!

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Un’ora avanti

  1. Bello piumino..sono in un sandwich di piumini!!!
    Uno sopra e uno sotto…
    una cosa molto coccolosa..come dire…Ma olen "tominchio" ahahahhahahah
    (era "topinchio", scemo…)
    ti amooooo
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...