Liberalizzazioni: taxi in sciopero il 23/01/2012 #taxi #sciopero #monti #liberalizzazioni #menotaxipertutti

— UPDATE 23/01/2012 —

Elenco e date degli scioperi nei prossimi giorni

— UPDATE —

Ed ecco scattare puntuale lo sciopero dei tassisti, stavolta annunciato.

Rispetto al blocco dei taxi improvvisato di qualche giorno fa a Linate, stazione Centrale di Milano e altre città d’Italia, questa volta l‘annuncio vero e proprio dello sciopero dei taxi c’è stato.

Difatti è previsto lo sciopero dei taxi il 23 gennaio 2012 (lunedì). Uno sciopero nazionale contro le ipotesi di liberalizzazione del governo Monti, anticipate dal Sig. Catricalà alla trasmissione Porta a Porta, è stato deciso ieri (11/01/2012) dal “parlamento” dei tassisti a Bologna.

Su Twitter, intanto, i consumatori tentano una forma autonoma di protesta che anticipi lo sciopero dei tassisti di lunedì, proclamando uno “sciopero degli utenti” il 20 gennaio. Per seguire l’evolversi è sufficiente seguire l’hashtag #menotaxipertutti su Twitter.

E, in contemporanea, il Codacons annuncia che, in caso di danni agli utenti o di blocchi stradali, saranno presentate “raffiche di denunce in Procura“.

Qui, aprendo e chiudendo subito una parentesi, mi chiedo, provocatoriamente, perché non ci si schiera contro gli operai della FIAT quando bloccano uno stabilimento? I tassisti non sono dei lavoratori? E perché non si denuncia lo sciopero bianco che gli utenti vogliono indire per i giorni precedenti che causa mancati guadagni ai lavoratori?

Privilegi e oneri per i tassisti

Voglio, però, cercare di essere obiettivo e, traendo spunto anche dal post di Igor Riccelli, vi porto a considerare quanto segue.

Se da un lato è vero che i tassisti godono di molteplici privilegi (così come i giornalisti, i notai, i medici, i farmacisti ecc.) in quanto sono, di fatto, una casta e che le corse hanno prezzi molto (forse troppo) elevati (nella media europea, è vero, ma ricordo che gli stipendi italiani non sono nella media europea), c’è anche da dire che, chi fa il tassista, è sottoposto a diversi oneri.

Per quanto riguarda gli oneri, infatti, è sufficiente pensare che occorre spendere 200000/300000 euro (e che molti contraggono mutui) per poter pagare i prezzi delle licenze e che i costi di esercizio sono soggetti quotidianamente a variazioni del prezzo dei carburanti, agli incrementi periodici dei prezzi delle autostrade, ai costi di manutenzione dell’automobile (assicurazione, gomme, ammortizzatori, danni vari ecc.).

Fermo restando che sono favorevole al concetto di liberalizzazione e che, nello specifico, sono favorevole alla liberalizzazione del settore, lancio una piccola provocazione.

Immaginate di aver chiesto 150000€ di mutuo per acquistare una casa di 2 locali e che il governo decida che, da domani, tutte le case di 2 locali, indistintamente, costino 100000€ in meno. Come vi sentireste con il mutuo e la banca? Non credereste che la mossa sarebbe, quantomeno, discriminatoria (pertanto inostituzionale), in quanto non garantisce le stesse condizioni a tutti i cittadini? E come imprenditore come vi sentireste sentendo sulla vostra pelle l’enorme divario sulle barriere all’ingresso del settore, con i vostri competitor che partono con 50/100 mila euro di vantaggio?

Annunci

15 Pensieri su &Idquo;Liberalizzazioni: taxi in sciopero il 23/01/2012 #taxi #sciopero #monti #liberalizzazioni #menotaxipertutti

  1. Pingback: Governo Monti: vantaggi e svantaggi delle liberalizzazioni #monti #liberalizzazioni #crisi « sipronunciaaigor

  2. Pingback: Novità sulle liberalizzazioni, il governo Monti si muove #liberalizzazioni #governo #monti #news #taxi « sipronunciaaigor

  3. Giusta analisi della questione,aggiungo anche che aumentano i taxi nn e vero che ci siano dei vantaggi x gli utenti,visto che esiste una tariffa che va rispettata x legge di conseguenza nn può esserci un libero mercato quindi…tirate voi le conclusioni

    • Buongiorno Carlo,
      anzitutto grazie mille per il commento: sono sempre graditi e ben accetti elementi di discussione e nuove opinioni.
      Per chi opera con le carte in regola e seguendo le regole, non puoi che trovarmi concorde su quanto asserisci. Il problema, invero, andrebbe evidenziato per tutte quelle volte in cui viene applicata una cifra forfettaria e, comunque, tutte quelle volte che si opera in nero. Penso che sia quello il focus principale dei prezzi sballati (oltre alle ben note truffe evidenziate più e più volte da Striscia la Notizia relativamente all’applicazione di tariffe non conformi alla tratta percorsa).

  4. “E perché non si denuncia lo sciopero bianco che gli utenti vogliono indire per i giorni precedenti che causa mancati guadagni ai lavoratori?”
    Non capisco, chi ha detto che non verranno denunciati? Se gli utenti protesteranno bloccando in maniera selvaggia strade e passaggio di mezzi, verranno sicuramente denunciati.
    D’altro canto, se lo sciopero dei tassisti verrà condotto in maniera civile immagino che il Codacons (o chiunque altro) non avrà alcuna buona ragione per denunciarli.

    Comunque al posto di tirare in ballo gli operai FIAT avresti potuto confrontare questo sciopero con quelli legati alle aziende di trasporti pubblici, che (per alcuni versi) è più simile…

    • Ciao Dani,
      come anticipato, quanto scritto è volutamente provocatorio (difatti ho fatto esempi su categorie “intoccabili” dal punto di vista del diritto di sciopero).
      Il fatto è che, personalmente, mi sono un po’ rotto le scatole dei proclami di denuncia.
      Così come nessuno ha detto che non verranno denunciati, nessuno ha neppure minacciato di denunciarli, mentre tassisti e altre categorie sono liberamente minacciabili di denuncia.
      L’intento, ripeto, è volutamente provocatorio…

      Ribadisco, infine, che non voglio difendere alcuno né, tantomeno, alcuna categoria in quanto reputo fondamentale liberalizzare tutte queste caste chiuse e privilegiate.

  5. io penso che se facessero pagare tutte le tasse evase a tutti i taxisti che si lamentano della svalutazione del proprio capitale investito, penso che la cifra da pagare sarebbe ben superiore a quella che adesso stanno cercando di farci credere che stanno perdendo!!!

  6. Secondo me, andrebbe liberalizzata la casta dei politici: nessun numero minimo o massimo di parlamentari. Siamo 60 milioni di cittadini (anche se non di elettori); prevediamo massimo 1000 parlamentari -> 60 milioni / 1000 = 60 mila. Bene. Per sedere al parlamento una persona qualunque – anche non appartenente a uno schieramento politico, deve ottenere almeno 60000 preferenze.
    Cosí sí che si sfoltisce e gli eletti sono veramente (piú o meno) voluti dal popolo.

  7. Il problema non è il numero di taxi per abitante: è invece piu’ quello del prezzo di una corsa troppo elevato rispetto al potere d’acquisto degli italiani , delle corse a tariffa fissa , es. da Milano ad aeroporti o delle corse da Comune a Comune . Come numero di taxi per 1000 abitanti, Milano è in media europea.

    • Non sono informato a sufficienza e in maniera diretta sui prezzi delle corse a tariffa fissa, però so per certo di aver speso, in proporzione, decisamente meno quando ho preso dei taxi all’estero.
      Concordo, quindi, in pieno con te: se per la stessa corsa a Parigi e a Milano spendo 6€, ma lo stipendio di un francese (a parità di mansione) è 1,5/2 volte il mio…

  8. Pingback: Liberalizzazione di tassisti, notai e farmacisti: tre spunti interessanti #liberalizzazioni #taxi #notai #farmacisti « sipronunciaaigor

  9. Pingback: Liberalizzazioni: le date degli scioperi di taxi, tir, ferrovie, farmacie, avvocati e benzinai #sciopero #taxi #liberalizzazioni « sipronunciaaigor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...