TFA: una rapida segnalazione #TFA #WordPress #insegnamento

Ok, titolo insolito. Perché introdurre #wordpress in un articolo sul TFA?

Beh, semplicemente perché avrei voluto effettuare un reblog di un articolo relativo al TFA che mi è stato segnalato su Twitter e non trovo giusto copincollare qualcosa prodotto da qualcun altro. Ahimé, però, non si può rebloggare qualunque cosa.

Sarebbe molto carino poter avere un tastino alla Facebook o alla Twitter anche per effettuare un reblog o una condivisione di qualunque cosa si trovi online… vabbe’, poco male. Non me ne vorrà Francesco Magni se copincollo l’inizio del suo articolo sul TFA. Farò un po’ come fanno i giornali nelle prime pagine. Scrivono un pezzettino e poi ti mettono “continua a pag. 18″…

Pertanto traggo da “ilsussidiario.net”

SCUOLA/ Tfa, test assurdi per chiudere di nuovo le porte ai giovani

martedì 24 luglio 2012

In questi giorni decine di migliaia di giovani aspiranti docenti si stanno cimentando nelle prove di ammissione ai Tfa (Tirocini formativi attivi), il nuovo percorso per acquisire l’abilitazione (e partecipare poi agli imminenti concorsi per l’immissione in ruolo). Per poter accedere ai Tfa è necessario superare tre prove: la prima consiste in un test a risposta multipla (organizzato direttamente dal Miur e uguale su tutto il territorio nazionale), mentre le altre due (una scritta e l’altra orale) sono organizzate dalle singole università.

Le prime prove già effettuate hanno suscitato aspre polemiche: i candidati, per essere ammessi ai due livelli successivi, dovevano rispondere in maniera corretta ad almeno 42 quesiti su un totale di 60. Era sensato immaginare che, con la prima prova, ci sarebbe stata una certa “scrematura”, ma la realtà ha superato l’immaginazione. In alcuni casi, infatti, si sono verificati esiti alquanto preoccupanti, per non dire grotteschi. Domande assurde e contraddittorie hanno, di fatto, precluso ancora una volta la strada all’insegnamento per tanti giovani. Prendiamo la classe di concorso A036 per insegnare filosofia, psicologia e scienze dell’educazione: delle migliaia di aspiranti, solo 141 hanno superato il primo step, a fronte di un’offerta di 588 posti disponibili. Il dato diventa assurdo se si scopre che in 8 atenei (tra cui Milano, Cagliari, Sassari, Urbino, Trento) nessuno è riuscito a superare la prova. Negli altri atenei pochissimi sono sopravvissuti (a Torino sono passati in 9 su 112, a Firenze in 6 su 187, a Padova in 8 su 148). Si può imputare tale risultato alla mancata preparazione di (quasi) tutti i giovani aspiranti? Non sembra l’ipotesi più plausibile.

[…] continua su ilsussidiario.net

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;TFA: una rapida segnalazione #TFA #WordPress #insegnamento

  1. Decisamente l’idea che i test siano stati scritti per evitare elevati accessi e, di conseguenza, siano stati uno specchio per allodole, o decisamente una presa in giro è logica e motivata. Mi domanda cosa ne guadagneranno a lungo termine…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...