La differenza tra Noi expat e Voi non expat #Poletti #expat #nonExpat #levatiDaiPiedi

Poletti… Mio buon Giuliano… Le scuse non possono bastare.

E, stavolta, non possono bastare perché quella che hai detto non era una frase preparata, era esattamente il tuo pensiero. Non che io non cambi mai opinione eh?! Ma è estremamente raro che capiti nel giro di una giornata e, guarda caso, dopo essere stato duramente attaccato…

Giuliano Poletti

Giuliano Poletti – fonte: http://www.biennale.coop

Chiaramente non posso non tornare sulle tue improvvide parole sugli italiani all’estero (o expat), visto che faccio parte di quelli che si sono “levati dai piedi”. Dati i francesismi ultimamente utilizzati in politica mi sorprende non siano stati usati termini quali “fuori dalle palle” o “cavàti dai coglioni”. Grazie per avermi risparmiato almeno i turpiloqui.
Stavolta lo faccio in maniera più seria e non parodiando una splendida canzone di Lucio Dalla quale è L’anno che verrà.
Continua a leggere

Annunci

Caro Poletti ti scrivo #levatiDaiPiedi #Poletti #polettiStaiSereno

In vena polemica con il Sig. Poletti, ieri mi sono dato alla ars parodica e ripropongo un post che ho messo su FB.
Se provate a canticchiarla, rende meglio, secondo me 😀

Caro Poletti ti scrivo,
così mi distraggo un po’.
E siccome son molto lontano,
più forte ti scriverò.

Da quando son partito non ho visto novità:
un governo è finito ormai,
ma qualcosa ancora lì non va.
Continua a leggere

La bolla informativa – parte 2/? #bolla #bollainformativa #facebook #informazione

La parte 2/? la comincio col svelare il primo arcano celato nel post scriptum di ieri (come sono forbito!) relativo al primo post della serie legata alla bolla informativa.


In confronto ai post in cui denunciavo quelle che, a mio avviso, erano decisioni scellerate del governo Monti, nel post di ieri non era presente alcun link.

Cosa comporta l’assenza di fonti in un articolo?

Rispetto ai suddetti post, ho avanzato solo idee e riferimenti che esistono solo nella mia mente con tutto il bene ed il male che può esserci.
Continua a leggere

Cosa voto il 4 dicembre al referendum costituzionale in Italia? #referendum #italia

DISCLAIMER: Non cascare nel clickbait del titolo. Non ti dirò né cosa voto io, né cosa devi votare tu. Se sei arrivato qui digitando su Google “cosa voto il 4 dicembre al referendum costituzionale in Italia”, sono solo felice per me stesso e non certo perché tu hai cercato di farti inculcare una qualche idea da un blog online. Il titolo mi serve, come sempre, principalmente per il SEO perché, a distanza di anni, comunque qualche esperimento lo voglio fare.

Referendum costituzionale 4: sì o no?

Referendum costituzionale 4 dicembre: sì o no? [fonte: http://simpsons.wikia.com/wiki/Catsup – credit The Simpons]

Ok. Finito il disclaimer posso proseguire e, di fatto, cominciare. Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 3 – #lavoro #straordinari #vita

Non fare gli straordinari al lavoro! Cambiamo mentalità. Tanto per cominciare, vediamo come è possibile iniziare a riprendersi il proprio tempo.

Chiaro esempio di giornata più lunga di 24 ore [fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Klippekort.jpg]

Chiaro esempio di giornata più lunga di 24 ore [fonte: http://it.wikipedia.org /wiki/ File:Klippekort.jpg]


Già, perché il tempo è tuo e non torna indietro; lavoro, azienda, riunioni, scadenze aziendali, consegne, URGENZE e così via… Tutto questo ci sarà sempre. Vai al lavoro e sono lì, vai a casa e sono lì, vai a dormire e sono ancora lì. Ed il mio “lì” vuol dire qualunque parte del mondo. Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 2 – #lavoro #straordinari #vita

Non fare gli straordinari al lavoro! Lo dico davvero, non farli. Cambiamo mentalità.

Always leave office on time - Lascia sempre il lavoro in orario

Always leave office on time – Lascia sempre il lavoro in orario [fonte: http://image-store.slidesharecdn.com/a38e4e24-2d0d-11e3-9a4a-22000aa40fde-large.jpg%5D

Riparto da dove ho lasciato ieri, riportando il botta e risposta sorto su facebook in seguito alla pubblicazione sul mio profilo dell’immagine che ho pubblicato sia nello scorso post sia in questo.

Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 1 – #lavoro #straordinari #vita

Non fate gli straordinari al lavoro! Lo dico davvero, non fateli. Cambiamo mentalità.

Always leave office on time - Lascia sempre il lavoro in orario

Always leave office on time – Lascia sempre il lavoro in orario [fonte: http://image-store.slidesharecdn.com/a38e4e24-2d0d-11e3-9a4a-22000aa40fde-large.jpg%5D

Certo, comprendo i mille motivi che ci stanno dietro a tante scelte, soprattutto con la crisi che morde, ma sono serio: non fate straordinari. Continua a leggere

Argomenti nuovi e obiettivi nuovi @sipronunciaaigor #blog #informatica #economia #politica #novità

Ricominciare è sempre difficile: devi ritrovare quel tempo che dedicavi prima al tuo progetto di blogger e che ora hai impiegato in mille altre forme, devi far ripartire una macchina ferma da un anno circa e, soprattutto, devi ritrovare degli argomenti.

Restarting - Schermata da Windows 8.1

Restarting – Schermata da Windows 8.1

S – scrittura, scienza, società…

Confermo la volontà di scrivere di cose personali, di informatica e scienze, di economia, di attualità, ma rinnovo soprattutto l’aspirazione al progetto di informazione e opinione (mia e degli altri). La grafica, per ora, resterà quella di sempre e anche l’impaginazione degli articoli: testo – immagine – testo -> prosegui al resto dell’articolo. Continua a leggere

Post impopolare e senza cuore

Sardegna sotto l’acqua: perché dovrei “donare” 2€ quando già pago le tasse e tutto il resto? Ricordo, inoltre, che i famosi DUE EURO, sono ancora tassati! Non li scarichi neppure… (tra le varie cose a cui pensare)

Forest... and surroundings

No. Mi dispiace ma no.

Non voglio donare soldi per “un aiuto subito” alle vittime del nubifragio. Non voglio mandare nessun SMS “solidale” da 2 euro a nessun numero speciale.

E poi mi chiedo, di quei 2 euro che mando con un SMS (maniera estremamente rapida per pulirsi la coscienza e/o sentirsi solidali e utili) quanti arrivano effettivamente a destinazione? C’è una quota trattenuta dall’operatore per il servizio? Ci si paga l’iva? Ci sono altre tasse nascoste? Quanti se ne perdono per strada prima che arrivino effettivamente a chi sono stati destinati?

Non voglio “fare un gesto semplice ma che può cambiare molto”, come tra poco diranno noti esponenti dell’italico actor studio in pubblicità progresso sempre uguali, qualunque sia il tema.

Io voglio, pretendo, esigo, che i soldi delle mie tasse siano usati per prevenire le disgrazie.

Voglio che i soldi delle mie tasse vengano utilizzati per studiare i cambiamenti…

View original post 178 altre parole