IVA al 22% dal 1° luglio 2013? PAZZI! #iva #iva22 #luglio #governo #malgoverno #governoletta

Ci risiamo! L’idea è quella di innalzare l’IVA di un punto percentuale e il fine ultimo è sempre quello di fare cassa.

Pressione fiscale insopportabile [fonte: http://www.lindipendenza.com/confcommercio-pressione-fiscale-al-55-e-il-record-mondiale/]

Pressione fiscale insopportabile [fonte: L’Indipendenza]

Il danno principale di un’operazione di innalzamento dell’IVA, non smetterò mai di ripeterlo, è sempre al consumatore finale che, di fatto, subisce una pressione fiscale sempre maggiore e indistinta (l’IVA, ricordo, è un tipo di tassazione lineare) in quanto l’IVA si applica alla quasi totalità dei prodotti/beni di consumo (ricordo, per correttezza, che l’aliquota varia in base alla tipologia di prodotto… latte e pane, per fare un esempio, sono soggetti al 4% e non al 21%). Continua a leggere

Annunci

Che fine ha fatto l’aumento dell’IVA al 23%? #iva #iva23 #ottobre2012

Un po’ di tempo fa (a marzo di quest’anno) il governo annunciò che il 01 ottobre 2012 avremmo avuto l’IVA al 23%.

Finanziamento pubblico ai partiti: attingono a larghe mani

IVA al 23%: che fine ha fatto?

Ora, la domanda è: che fine ha fatto questa misura? Ferma restando la mia decisa opposizione all’aumento dell’IVA (soprattutto a fronte di una mancata riduzione della tassazione sull’IRPEF o sul lavoro), mi chiedo dove siano finite le informazioni a distanza di tempo.

Continua a leggere

Terremoto di Ferrara e risarcimento danni: chi paga? #terremoto #ferrara #stato

Domenica 20 maggio alle 4 di mattina circa c’è stato un terremoto di 5.9 (o 6?) della scala Richter in Emilia Romagna, epicentro vicino a Ferrara. 7 morti, al momento, e più di tremila sfollati. Non saperlo, in queste ore, è praticamente impossibile, ma, per il futuro, metto comunque un link al Corriere così da poter rivedere la notizia quando non se ne parlerà più.

Torre dell'orologio di Finale Emilia

Torre dell’orologio di Finale Emilia

Non sto ad addentrarmi nelle dinamiche del terremoto o nelle polemiche che scaturiscono/scaturiranno circa la sicurezza degli edifici, la manutenzione delle opere d’arte ecc. Lo fanno già in tanti e non ho voglia di mettermi lì a discutere punti a favore e sfavore laddove esistono. Lo fanno già in tanti.

Quello che voglio riprendere, invece, scaturisce da un articolo di Sara Nicoli su Il Fatto Quotidiano dal titolo “Lo stato non risarcirà il terremoto”. Continua a leggere

Governo Monti e il fallimento dei tecnici #monti #politica #tecnici #fornero

Faccio un rapido riepilogo delle decisioni del sig. Monti e degli altri del suo governo di banchieri, professori e chi più ne ha più ne metta, per chiedervi, a fine post, una cosa semplice semplice su cui vi inviterò a riflettere.

Governo Monti

Governo Monti

Liberalizzazioni

Il governo Monti ha parlato di liberalizzazioni ed ha scatenato un mezzo putiferio con strali di scioperi di varie categorie. Delle liberalizzazioni, però, non è stato più detto né fatto nulla di quanto prospettato. Taxi, avvocati, notai, albi ecc. sono tutti lì. Intonsi. Continua a leggere

Manovra Monti: quando l’IVA al 23%? 1 ottobre 2012 #iva23 #23 #iva #ottobre #monti

Tempo addietro parlai dell’ipotesi di incremento dell’aliquota IVA dal 21% al 23% e mi trovo ora a scrivere un post rapidissimo per un aggiornamento.

Il Governo tecnico dei banchieri, capitanato dal Sig. Monti, ha ora ufficializzato, attraverso il Sig. Grilli, che l’IVA al 23% sarà in vigore dal 1° ottobre 2012. Dopo l’innalzamento dell’IVA al 21% eccoci dunque all’ennesimo inasprimento dell’imposta indiretta per eccellenza. Ribadisco nuovamente la mia contrarietà a queste scelte, sempre per gli stessi motivi.

Ancora non ho trovato informazioni relativamente all’incremento dell’aliquota del 10% (previsto l’aumento ad un’aliquota IVA all’11%). Continua a leggere

Partita IVA agevolata: le non agevolazioni #partitaiva #iva #agevolazioni

Ok, è passato un anno da quando ho aperto la partita IVA e, notizia delle notizie: per quest’anno posso andare avanti. Ciò mi fa piacere.

Ritorno sul concetto di partita IVA agevolata ora che sto facendo un po’ di conti per cominciare le trafile (ahimè) del pagamento delle tasse.

Dopo la sorpresa dell’INPS al 25,72% che mi è stata regalata lo scorso anno, ma di cui ancora oggi non si sa nulla visti i continui cambi di luna dei vari governi (dovrebbe essere salita a 28%, ma del doman non c’è certezza…), mi sto per scontrare con una triste evenienza (economicamente parlando) di cui ero al corrente e che, purtroppo, mi è accaduta: sono dovuto ricorrere a prestazioni sanitarie in questi primi mesi del 2012. Economicamente è una triste evenienza per una persona che ha appena aperto la partita IVA usufruendo delle agevolazioni fiscali poiché lo Stato prevede che una persona non possa ammalarsi né che abbia bisogno di curarsi per tre anni. Per carità, chi non spera ciò? Di questo non posso che ringraziare lo Stato poiché mi augura tanta buona salute, ma, purtroppo può capitare, sono costretto a ricorrere all’assistenza sanitaria proprio durante questo secondo anno di partita IVA e questo vuol dire che non potrò dedurre né detrarre alcunché dalle mie tasse (chi non ricordasse la differenza tra deduzione e detrazione segua il link).
Continua a leggere

Manovra Monti: rigore, equità e crescita. Dove si annida l’equità? – 2 – #monti #manovra #crisi #italia

Continuo la disamina sulla manovra Monti, dal punto di vista dell’equità della manovra stessa, che ho cominciato tempo addietro.

Manco a farlo apposta la sera del 13/12/2011 il Sig. Monti ha detto “Ora la manovra è più equa”. Avrà letto il mio blog capendo le ingiustizie contenute nei propri testi :)?

Ok, stupidate a parte: dopo aver asserito che non si debba più pensare e dire che pagano sempre i soliti noti, aggiunge di aver aggiunto “nuovi noti”. Quanto affermato non esclude il fatto che però, i soliti noti, continueranno a pagare (tanto)… ma così è e poi ci pensano, eventualmente, le lacrime della Fornero ad appianare tutto, no?

La parte più comica, però, arriva quando sostiene che l’individuazione di questi nuovi noti “consente di tassare meno l’economia e il lavoro come si conviene ad un’economia che vuole crescere”.

Vediamo subito, dopo esserci lasciati parlando di tassazzione lineare, pensioni ed ICI (i tre punti più salienti e salati per le nostre tasche), un paio di misure che aiutano economia e lavoro ad essere meno tassati:

  • la rivalutazione delle rendite catastali
  • la questione carburanti (per l’esattezza vorrei focalizzarmi un attimo sui recenti incrementi di benzina e diesel)

Continua a leggere

Manovra Monti: nuovo cambio IVA al 23% e IVA all’11% #IVA #monti #IVA23 #IVA11

Molti utenti stanno chiedendo, attraverso le ricerche su Google, quando entreranno in vigore le nuove aliquote IVA al 23% (08/03/2012 confermato aumento IVA al 23%) e all’11%.

Rettificando, difatti, il titolo di un mio altro post precedente in cui vi erano ancora le sole ipotesi di IVA al 22% e di IVA all’11%, la manovra approvata dal governo dei banchieri porta l‘IVA al 23% (dal 21% attuale).

Rimando sempre ai post precedenti per quanto riguarda la mia critica, assolutamente negativa, riguardo all’innalzamento delle aliquote IVA.

Cos’è l’IVA?

Anzitutto penso sia giusto chiarire cos’è l’IVA. Continua a leggere

Manovra Monti: rigore, equità e crescita. Dove si annida l’equità? – 1 – #monti #manovra #crisi #italia #pensioni #iva #ici

L’altalenante manovra Monti sembra, a prima vista, una grande incognita su cui i mercati internazionali si stanno scaldando e scannando a suon di altalene di percentuali in borsa, rating e, soprattutto, di spread.

Spread: scarto. Quel termine che nessuno comprende e che quando viene chiamato col termine italiano corrispondente diventa ancora più indecifrabile in quanto di lontano richiamo a materie scientifiche: differenziale.

In inglese il verbo “to spread” vuol dire “aprire” e, continuando su questa linea, chi verrà maggiormente aperto non sarà il divario BTP-Bund, ma il portafoglio di noi italiani (e sono bravo e fine a limitarmi).

Su questi giochetti finanziari (assolutamente avulsi da quello che è l’economia reale) si sta giocando la partita della manovra Monti, ovvero quella manovra messa a punto da banchieri e speculatori finanziari che si trovano adesso a governare l’Italia.

Continua a leggere