Caro Poletti ti scrivo #levatiDaiPiedi #Poletti #polettiStaiSereno

In vena polemica con il Sig. Poletti, ieri mi sono dato alla ars parodica e ripropongo un post che ho messo su FB.
Se provate a canticchiarla, rende meglio, secondo me 😀

Caro Poletti ti scrivo,
così mi distraggo un po’.
E siccome son molto lontano,
più forte ti scriverò.

Da quando son partito non ho visto novità:
un governo è finito ormai,
ma qualcosa ancora lì non va.
Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 3 – #lavoro #straordinari #vita

Non fare gli straordinari al lavoro! Cambiamo mentalità. Tanto per cominciare, vediamo come è possibile iniziare a riprendersi il proprio tempo.

Chiaro esempio di giornata più lunga di 24 ore [fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Klippekort.jpg]

Chiaro esempio di giornata più lunga di 24 ore [fonte: http://it.wikipedia.org /wiki/ File:Klippekort.jpg]


Già, perché il tempo è tuo e non torna indietro; lavoro, azienda, riunioni, scadenze aziendali, consegne, URGENZE e così via… Tutto questo ci sarà sempre. Vai al lavoro e sono lì, vai a casa e sono lì, vai a dormire e sono ancora lì. Ed il mio “lì” vuol dire qualunque parte del mondo. Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 2 – #lavoro #straordinari #vita

Non fare gli straordinari al lavoro! Lo dico davvero, non farli. Cambiamo mentalità.

Always leave office on time - Lascia sempre il lavoro in orario

Always leave office on time – Lascia sempre il lavoro in orario [fonte: http://image-store.slidesharecdn.com/a38e4e24-2d0d-11e3-9a4a-22000aa40fde-large.jpg%5D

Riparto da dove ho lasciato ieri, riportando il botta e risposta sorto su facebook in seguito alla pubblicazione sul mio profilo dell’immagine che ho pubblicato sia nello scorso post sia in questo.

Continua a leggere

Non fare gli straordinari! – parte 1 – #lavoro #straordinari #vita

Non fate gli straordinari al lavoro! Lo dico davvero, non fateli. Cambiamo mentalità.

Always leave office on time - Lascia sempre il lavoro in orario

Always leave office on time – Lascia sempre il lavoro in orario [fonte: http://image-store.slidesharecdn.com/a38e4e24-2d0d-11e3-9a4a-22000aa40fde-large.jpg%5D

Certo, comprendo i mille motivi che ci stanno dietro a tante scelte, soprattutto con la crisi che morde, ma sono serio: non fate straordinari. Continua a leggere

Nuovo vecchio lavoro. Più o meno. #lavoro #avventura #partitaiva

Finalmente trovo qualche minuto per parlare della mia avventura…

Come dicevo la scorsa volta, ho appena cominciato un nuovo lavoro presso un nuovo cliente. Invero non è così tanto nuovo come lavoro ed il cliente, più o meno, già lo conoscevo.

Tempo addietro, prima di cominciare la mia avventura, lavoravo in ALER (le case popolari). Ci ho lavorato per 9 mesi come funzionario responsabile di una delle aree informatiche, poi ho deciso di licenziarmi e mettermi in proprio: scrissi la lettera di dimissioni ed aprii la partita IVA. Il primo anno, tra alti e bassi, è andato ed avevo deciso di continuare anche per quest’anno e vedere come sarebbe andata (se ci sarebbe stata la possibilità che le cose ingranassero meglio o se sarebbe stato il caso di lasciare lì e cercare un lavoro come consulente mantenendo la partita IVA o abbandonare l’IVA e cercare lavoro come dipendente). Continua a leggere

Manovra Monti: lavoro, articolo 18 e modello tedesco #monti #articolo18 #governo #lavoro #modellotedesco

Torna a tenere banco il famigerato articolo 18.

Ieri si è tenuto, al cospetto del Sig. Monti, il vertice ABC (Alfano, Bersani, Casini). Peccato non ci fosse anche Di Pietro, avrebbero potuto completare le prime quattro lettere dell’alfabeto. Insieme ai quattro dell’Ave Maria, tra gli altri, sedeva a palazzo Chigi anche LA Fornero, che ha spiegato quali fossero le linee guida alla base della riforma del lavoro.

Articolo18 - tratto da giornalettismo.it

Articolo 18 - tratto da giornalettismo.it

Tra i temi affrontati nella riunione, come detto, anche (e soprattutto) quello del lavoro, dove si insinuava pericolosamente lo scottante articolo 18 nella parte riguardante i licenziamenti. Come evidenziato dal Sig. Monti, la riforma del lavoro deve essere ad ampio raggio. Continua a leggere

Manovra Monti pensioni: anni di contributi e percentuale dello stipendio #pensioni #monti #anni #percentuale #stipendio

Mi preme fare un approfondimento sul tema delle pensioni a seguito delle proposte dell’attuale manovra pensionistica (quella che ci manderà in pensione a 70 anni per intenderci).

Il dettaglio si articola su due fronti distinti legati al cumulo degli anni di lavoro necessari ad andare in pensione e, soprattutto, alla percentuale con cui si andrà in pensione.

Geri's game - Pixar (1998)

Geri's game - Pixar (1998) - Avremo mai una vecchiaia tranquilla e una pensione decente?

Quanti anni di contributi per andare in pensione?

Il primo punto dolente della manovra riguarda il novero degli anni necessari per poter andare in pensione con questa nuova riforma. Il numero è magico. Per l’esattezza è “la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto“, ovvero 42 (Monti & co. devono aver letto la Guida galattica per autostoppisti) e minimo 66 anni di età (dal 2018). Continua a leggere

Amazon.it apre il polo logistico italiano #amazon #logistica #italia #attualità #lavoro

A distanza di un anno dall’apertura del sito www.amazon.it (la versione italiana del principale store online), ecco fare capolino a Piacenza la base logistica italiana (per l’esattezza a Castel San Giovanni).

Sul Corriere della Sera si trova un video di poco più di due minuti a titolo di esempio di quello che è il nuovo polo italiano, mentre sul Sole 24 Ore c’è un’interessante intervista a Piacentini (manco a farlo apposta) che è senior vice president international di Amazon.

A detta di Piacentini amazon.it evaderà da Piacenza il 70% della richiesta italiana in 3/4 ore (!), questo con 150 dipendenti fin’ora e 350 dipendenti entro Natale (per chi ricerca lavoro in amazon: http://www.amazon.it/gp/browse.html?ie=UTF8&node=521771031).

amazon.it - scaffali polo logistico Piacenza

amazon.it - scaffali polo logistico Piacenza

Continua a leggere

Andare via dall’Italia per lavoro ed il resto! O no? #italia #fuga #digressioni

Sarà la situazione attuale, sarà la storia recente, saranno le motivazioni che si vogliono; sta di fatto che su Facebook è saltato fuori questo status da parte di un amico (M.):

è giusto scappare in un altro paese o rimanere nel nostro e lottare per migliorare le cose? bella domanda…

Da qui ne è scaturita una disquisizione di media lunghezza che voglio riportare (P1 è una terza persona) evidenziando alcuni punti che ritengo “salienti” — UPDATE in cui ho modificato i colori per migliorare un po’ la leggibilità —:

Io: La seconda… la prima è comprensibile, ma non la trovo condivisibile (dati i motivi sottointesi)…

M.: anche perchè dopo è inutile lamentarsi di rumeni e marocchini che scappano dai loro paesi perchè ci stanno male quando facciamo pari pari come loro…

Io: beh, non era proprio quello che intendevo, ma… sì, può essere una delle motivazioni :). Personalmente la buttavo più su un fattore di:”Vuoi migliorare il tuo paese? Datti da fare in prima persona perché non puoi aspettare sempre che siano gli altri a ‘fare'”

Continua a leggere