Sciopero di Internet: com’è andata? #SOPA #PIPA #SOPAStrike #StopSOPA #j18

Ieri, 18 gennaio 2012, c’è stato lo sciopero di internet.

Gli interventi più evidenti sono stati quelli di Wikipedia inglese – che ha aderito integralmente allo sciopero chiudendo per 24 ore – Reddit, Google (per gli internauti americani), Vimeo, Flickr, Mozilla, BoingBoing… (su SopaStrike un elenco più corposo). Si parla di più di 75000 siti che hanno ufficialmente aderito.

Essendo internet, ovviamente, il dato è solo indicativo: possono essere stati 50 in tutto o 150000… Il bello di internet è anche questo, no? Libertà… Continua a leggere

Anonymous: messaggio al Congresso degli Stati Uniti d’America (trad. ITA) #anonymous #USA #anon #SOPA #PIPA #nosiae

Stop Online Privacy Act (SOPA) e Protect IP Act (PIPA).

Questi i due nomi delle abominevoli leggi che consentirebbero alle autorità statunitensi di oscurare i siti responsabili di pirateria audiovisiva. Che male c’è a bloccare la pirateria, dato che è illegale? Nulla, non fosse che, all’atto pratico, queste leggi consentono la chiusura di un sito intero solo per una pagina contenente riferimenti a contenuto illegale. Per intenderci è sufficiente un link che indirizza ad un film e fine del gioco.

Per fare un esempio:

la nuova versione del PROTECT IP Act inserirebbe Facebook e YouTube nella lista dei siti votati alla condivisione illecita dei contenuti

(Fonte: http://punto-informatico.it/3319820/PI/News/protect-ip-act-scure-sugli-intermediari.aspx)

Ma oltre alle piattaforme di video-sharing o quelle che consentono l’embed dei contenuti di queste piattaforme, le cui dimensioni e quantità dati sono tali da non consentire il controllo tempestivo di ogni singolo filmato/contenuto, verrebbero colpite anche tutte quelle piattaforme tipo MegaUpload (ad oggi circa 26 petabyte – PB – di dati, ovvero 26000 TB, ovvero 26000000 di GB) in quanto contenitori di materiale illecito.

Continua a leggere